fbpx

La prima volta è sempre elettrizzante.

Sentire di avere raggiunto finalmente il successo è una sensazione meravigliosa. Ha lo stesso gusto del primo bacio. Ma cosa accomuna le persone di successo?

Prima di scrivere questo articolo, eravamo convinti che il duro lavoro fosse l’unico segreto che si dovesse conoscere per avere successo. Eppure abbiamo conosciuto persone che pur avendo lavorato duro non hanno avuto successo ed altrettanti aver avuto successo senza aver mai lavorato duro. Allora abbiamo iniziato ad osservare meglio. Le tecnologie di oggi danno la possibilità di ‘spiare’ e misurare quello che le altre persone fanno.

Ecco cosa abbiamo scoperto!

  1. Innanzitutto le persone di successo hanno sviluppato un’abitudine a fare ciò che gli altri non amano fare. Ecco che l’osservare ci ha portato a Marco Montemagno. Sì, lo sappiamo, abbiamo preso il massimo emblema del successo digitale di questi ultimi anni, ma non l’abbiamo citato a caso. Qual è la caratteristica che contraddistingue Montemagno? I video! Bravissimo! Tu hai mai provato a creare un video da zero? Creare il copy del testo, sistemare le luci, la macchina da presa, il microfono, registrare e montarlo?! Ecco…noi abbiamo provato a creare video all’inizio della nostra avventura, ed è stato un dramma. Giornate ‘perse’ per tre minuti di girato. Così abbiamo progressivamente rinunciato all’idea. Il senso di quanto abbiamo scritto nelle prime righe è proprio questo. Se non instauri consapevolmente delle buone abitudini, stai inconsapevolmente formando delle cattive abitudini.
  2. Il secondo aspetto riguarda il procrastinare. La procrastinazione ti allontana dai tuoi sogni. Tornando ai video che volevamo ‘copiare’ a Montemagno – nello stile, si intende! – una volta che capimmo che ci voleva tempo e molto lavoro extra, allora iniziammo a rimandare. Prima giorno dopo giorno, poi di qualche settimana ed infine smettemmo di creare video. L’errore è stato di non instaurare l’abitudine e rimandare a domani i nostri impegni.
  3. Il terzo aspetto riguarda la voglia di ottenere il successo immediato. Una volta che ci accorgemmo che i video non stavano dando i risultati sperati, iniziammo a perdere entusiasmo. Dimenticandoci di quello che era il nostro obiettivo iniziale. Cosa ci ha insegnato questo nostro errore? Solo chi ha uno scopo, sa rimandare il piacere immediato per ottenere l’obiettivo che si è prefissato. “L’attesa del piacere è essa stessa il piacere”
  4. L’ultimo aspetto, ma non per importanza, è la capacità di creare emozione e di emozionarsi. Lo scopo del successo dev’essere emozionante. Noi avevamo la strategia, le tecniche e anche gli strumenti, ma ci siamo dimenticati di emozionare. Quando gli obiettivi sono privi di emozioni, diventano freddi e noiosi. Sono le emozioni che ci danno la spinta per raggiungere i nostri obiettivi. 

 

 

Photo by Guille Álvarez on Unsplash
Luca Borreca

About Luca Borreca