“L’equilibrio in sé è il bene.” (Haruki Murakami)

Dopo un allenamento impegnativo o una gara, il tuo fisico si trova sotto stress.

Il cortisolo – l’ormone dello stress – pervade il corpo e i tuoi muscoli sono a pezzi. Ti sembrerà strano, ma questo è un bene. Il tuo fisico, infatti, si sta adattando e si prepara a diventare più forte. Se però questo stato permane e l’infiammazione non si attenua, il rischio di infortuni e malattie aumenta.

Ecco allora che entrano in gioco diverse tecniche di recupero. La crioterapia e i massaggi, sono alcune di queste. Tuttavia è stato dimostrato che si può usare anche la mente per accelerare il risanamento del corpo.

Ecco le 3 strategie che potrai utilizzare per rigenerare il fisico, attraverso la mente.

  1. Feedback positivo. Impegnarsi in riflessioni positive dopo un allenamento o una gara, aiuta a scaricare lo stress mentale. Anche se non ne sei uscito soddisfatto, cerca di soffermarti in primis sugli aspetti positivi della tua performance. Ripartire dai punti di forza, questa è un’ottima strategia. L’analisi degli aspetti meno positivi, lasciala ai giorni successivi, quando sarai più rilassato e meno coinvolto da quello che è successo i giorni prima.
  2. Rimani coinvolto. Dopo aver finito l’allenamento o aver tagliato il traguardo di una gara, condividi la fase post performance assieme ai tuoi compagni di squadra o amici. Le iterazioni sociali infatti migliorano il recupero mentale – e di conseguenza quello fisico. Questo perché la condivisione permette di analizzare da altri punti di vista la propria prestazione e, come ha dimostrato l’Università di Houston, favorirebbe un miglior impatto sulla variabilità cardiaca, principale responsabile del recupero fisico.
  3. Stacca la spina. Il giorno dopo un allenamento impegnativo o una gara, cerca di distrarti. Immergiti nella lettura, guarda un bel film o fai una semplice passeggiata nella natura. Insomma, non pensare allo sport! Infatti, non solo l’attività leggera aiuta il recupero muscolare, ma anche “l’allontanarsi” dall’attività che svogliamo abitualmente.

In definitiva, l’importante è trovare il giusto equilibrio.

Tra la tua attività fisica e ciò che ti permette di rilassarti. In fondo, “l’equilibrio in sé è bene”.