fbpx

“La grandezza di una leadership si fonda su qualcosa di molto primitivo: la capacità di far leva sulle emozioni.” (Daniel Goleman)

La capacità di gestire in modo ottimale e vincente progetti e persone, dirigendoli verso il successo, è un’arte difficile.

A questo proposito anche il manager può diventare il migliore dei coach per il suo team, creando una realtà organizzativa e una cultura aziendale motivante e innovativa. Si tratta di una versione emancipata e competente del nuovo leader, che esplora le strategie e i traguardi in sinergia con i collaboratori.

Va tenuto presente però che il ruolo del manager-coach è sensibilmente differente da quello del coach professionista, che offre la sua disponibilità e consulenza nelle aziende scandagliando i casi più diversi.
Il leader che si forma come coach per migliorare la sua performance e quella del suo team ha la responsabilità di acquisire nuove competenze, finalizzata al miglioramento dell’aspetto relazionale e comportamentale, mentre interagisce direttamente col gruppo.

Nel suo processo di formazione attraverso il coaching, infatti, il manager fa proprie diverse competenze.

Quando noi di LI COACHING lavoriamo in azienda, andiamo a creare le condizioni necessarie perchè il manager sviluppi capacità fondamentali a guidare il proprio team, attraverso l’acquisizioni di queste peculiarità:

Autoconsapevolezza Emotiva, dei propri sentimenti e di come questi possano avere influenza sulla propria condotta e sulla prestazione lavorativa;
Consapevolezza Sociale: la capacità di comprendere, motivare e comunicare con gli altri. Insegnamo l’importanza dell’ascolto attivo e di come comprendere gli aspetti più complessi e sottili delle dinamiche di gruppo, valutando l’impatto che le proprie parole e azioni possono avere sul team e sull’organizzazione;
Autodeterminazione nel definire i propri obiettivi, trasformali in piani di azioni ed in “fare”.  Attraverso un percorso da noi creato, facciamo capire l’importanza della motivazione intrinseca e come questa possa supportare gli altri membri del team nel trovare la propria motivazione. Mettiamo in luce l’efficacia di generare soluzioni creative durante i periodi di stabilità e di come risollevarsi dopo momenti difficili. Quello che mostriamo è come il leader non debba attendere che gli eventi “si verifichino”, ma anticipare il cambiamento supportando il team e l’organizzazione nello sviluppo della consapevolezza e delle competenze richieste.
Responsabilità condivisa, il leader è in grado di creare una cultura che coinvolge, una condivisione di intenti e di obiettivi ed un ambiente di lavoro che incoraggia relazioni positive e confronti costruttivi senza evitare i conflitti.

Il nostro metodo rivolto ai manager e concorre a strutturare un tessuto aziendale sano ed efficiente.

Ma soprattutto una realtà organizzativa pronta a fronteggiare le sfide più intense che il mercato propone. Il nostro lavoro si può quindi definire come una pratica manageriale che aiuta i collaboratori a migliorare l’apprendimento e la risoluzione dei problemi, facendo da guida, incoraggiamento e supporto.

È un modo per aiutare il team a riconoscere le opportunità, per migliorare la performance e in generale le capacità, attraverso la condizione di feedback costruttivi necessari a far emergere il meglio delle persone, dimostrando rispetto e apprezzamento.
Avere una mentalità orientata al coaching rispetto ad uno stile direttivo ed autoritario è la chiave per potenziare la performance aziendale.