Skip to main content

Viviamo in un mondo in cui le sfide sono inevitabili.

La buona notizia è che possediamo una risorsa incredibile per affrontarle – la nostra forza interiore.

In questo dodicesimo episodio di FeliceMente cercheremo di capire il potere della resilienza e condividerò con voi tre strategie per coltivarla nella vostra vita quotidiana.

 

Oggi vorrei iniziare, facendovi alcune domande. Hai mai perso qualcuno che amavi veramente? Hai mai avuto il cuore spezzato da una relazione finita? hai mai lottato per una separazione?

Sei mai stato vittima di bullismo o violenza? Sei mai stato licenziato e La tua vita improvvisamente ha preso una strada che non avevi programmato? Se sei vivo, dovrai, o hai già dovuto, affrontare momenti difficili.

La Resilienza Come Forza Motrice

Quello che vorrei darvi oggi è la consapevolezza che ci si può rialzare dalle avversità, che ci sono strategie che funzionano, che è assolutamente possibile pensare e agire in certi modi che aiutano a superare i momenti difficili.

Esiste un innumerevole gruppo di studi che spiega come fare. Oggi condividerò con voi tre strategie. Sono tre strategie elaborate in questi anni, sulla base delle esperienze vissute (mie e delle persone a cui ho fatto coaching), del lavoro di studio, di ricerca e di formazione che ho condotto in questi ultimi anni. L’aspetto straordinario è che chiunque può impararle!

Consigli Pratici per Coltivare la Resilienza

  1. Le persone resilienti capiscono che cose negative possono accadere. Sanno che la sofferenza fa parte della vita. Ciò non significa che lo accolgano davvero, non sono effettivamente delusi. Solo che quando arrivano i momenti difficili, sembrano sapere che la sofferenza fa parte di ogni esistenza umana. E sapere questo ti impedisce di sentirti discriminato quando arrivano i momenti difficili.

Sembra che viviamo in un’epoca in cui abbiamo diritto a una vita perfetta, in cui le foto sui social sono sempre sorridenti e felici, quando in realtà, è vero esattamente il contrario.

  1. Le persone resilienti sono davvero brave a scegliere attentamente dove concentrare la propria attenzione. Hanno l’abitudine di valutare realisticamente le situazioni e, in genere, riescono a concentrarsi sulle cose che possono cambiare e in qualche modo accettano le cose che non possono cambiare. Questa è un’abilità vitale e apprendibile per la resilienza.

Come esseri umani, siamo davvero bravi a notare minacce e debolezze. Siamo davvero, davvero bravi a notarli. Le emozioni negative si attaccano a noi come il velcro, mentre le emozioni e le esperienze positive sembrano rimbalzare via. Le persone resilienti non sminuiscono gli aspetti negativi, ma hanno anche trovato un modo per sintonizzarsi con gli aspetti positivi.

  1. Le persone resilienti si chiedono: “Ciò che sto facendo mi aiuta o mi danneggia?” Questa è una domanda molto utilizzata come terapia. E ragazzi, è una domanda molto potente!

Questa domanda può essere applicata a tanti contesti diversi. Il modo in cui penso e agisco ti sta aiutando o danneggiandoti, nel tuo tentativo di ottenere quella promozione, superare quell’esame, riprenderti da una malattia? Chiederti se ciò che stai facendo, il modo in cui pensi, il modo in cui ti comporti ti sta aiutando o danneggiando, ti rimette sulla strada giusta. Ti dà un certo controllo sul tuo processo decisionale.

La Resilienza Come Abitudine di Vita

Tre strategie. Abbastanza semplice e pronte, per tutti noi. La resilienza non è una caratteristica fissa. Non è una cosa sfuggente, che alcune persone la hanno e altre no. In realtà richiede processi molto ordinari. Solo la volontà di provarli.

Pensate che nel 2005 Martin Seligman e colleghi hanno condotto un esperimento. E chiedevano alle persone, tutto ciò che chiedevano di fare, era di pensare a tre cose belle che erano successe loro ogni giorno. Ciò che hanno scoperto, nel corso dei sei mesi di questo studio, è stato che quelle persone hanno mostrato livelli più elevati di gratitudine, livelli più elevati di felicità e meno depressione nel corso dello studio di sei mesi.

Cosa significa questo? Che devi trovare il linguaggio che funziona per te, in qualunque cosa tu faccia, fai uno sforzo intenzionale, deliberato e continuo per sintonizzarti su ciò che c’è di buono nel tuo mondo.

Penso che tutti noi abbiamo momenti nella vita in cui il nostro percorso di vita si divide e il viaggio che pensavamo di intraprendere devia verso una direzione che non avevamo previsto e che di certo non volevamo. Se mai vi troverete in una situazione in cui penserete “Non potrò mai tornare indietro da questa situazione”, vi esorto ad fare affidamento a queste strategie e a ripensarci. Non vi dirò che pensare in questo modo sia facile. Ma se ho imparato qualcosa, è che pensare in questo modo aiuta davvero.

Luca Borreca

About Luca Borreca

Leave a Reply